Vuoi questo spazio?

  • Per la tua pubblicità su questo spazio scrivi a: info@makenews.it

Ultime notizie

Calma, virtù dei forti

Siamo sempre stati spaventati da tutto ciò di cui non riusciamo a prevedere il comportamento. Succede con i terremoti, che non bussano mai alla porta prima di mandare giù tutto. Un po’ quello che sta accadendo oggi con un virus che in estate ci aveva dato l’illusione di non sopravvivere al grande caldo, mentre appena chiusi gli ombrelloni è riapparso con un ghigno. Non era morto. Si era solo nascosto chissà dove. E nessuno, neanche se vai a interpellare le vette più alte della comunità scientifica, sa dirti oggi perché. Quando chiedi, la risposta è sempre la stessa: non lo sappiamo, non abbiamo capito ancora tutto del comportamento di questo virus. Come per i terremoti, appunto. Studi le falde, ti affidi alla statistica, ma non sai mai quando e dove colpiranno. Questo pone un problema serio nella gestione della pandemia ai nostri governanti. Perché da chi hai affidato le sorti del tuo Paese ti aspetti sempre una risposta, non un semplice “vedremo”. Ma chi può dirci, oggi, che Natale sarà? Se il 31 dicembre potremo stappare lo spumante con gli amici per mandare al diavolo questo maledetto 2020 e salutare con ben altro spirito l’anno nuovo? La risposta non c’è. E non ci sarà fino a quando non arriverà un vaccino in grado di porre finalmente una croce sopra il famigerato Sars-Cov-2. Nel frattempo possiamo solo proteggerci con il nostro comportamento responsabile, adottando tutte le necessarie misure per prevenire il contagio. Ma è altrettanto importante mantenere un sano equilibrio mentale. Senza ansie e isterismi che inconsciamente trasferiamo nei rapporti sociali, in casa, sui luoghi di lavoro. Calma. La virtù dei forti. (s.o.)

Saverio Occhiuto

Saverio Occhiuto

Saverio Occhiuto nato a Reggio Calabria nel 1954, abita a Pescara. Giornalista professionista, laureato in psicologia all’università di Padova, ha lavorato dall’80 al ’92 in Calabria e in Veneto, collaborando per numerose testate giornalistiche, agenzie di stampa ed emittenti radiofoniche e televisive. Tra queste, il Giornale di Calabria, la Gazzetta del Sud, il Giornale di Sicilia, Il Resto del Carlino, il Diario di Palermo. Si è occupato, tra l’altro, dei più importanti fatti di cronaca nera e giudiziaria avvenuti in Calabria negli anni ’80. Ha intervistato il capo di Cosa Nostra Luciano Liggio, ha indagato sul caso Moro e sull’omicidio dell’ex presidente delle Ferrovie Lodovico Ligato. Nel gennaio del ’93 è entrato a far parte del gruppo Espresso. E’ stato redattore e vice capo servizio del quotidiano abruzzese il Centro presso la redazione di Pescara, più volte inviato in Italia e all’estero. Autore nel 2015 del libro: Don. La 'ndrangheta mai raccontata, oggi ha un suo blog, Nuvole, edito da Makenews.it e collabora con Il Messaggero.

Articoli correlati

Read also x