Vuoi questo spazio?

  • Per la tua pubblicità su questo spazio scrivi a: info@makenews.it

Ultime notizie

Il Progetto

MAKE NEWS (fare informazione) è un progetto editoriale assolutamente nuovo nel panorama nazionale che ha come finalità – ma si potrebbe parlare di autentica “missione” – il contrasto alle notizie false (o balle spaziali) diffuse sul web attraverso i social, i blog, i motori di ricerca appositamente creati in alcuni paradisi informatici per finalità politiche o per screditare personaggi pubblici. Qualcosa di altamente pericoloso per una democrazia liberale come la nostra, fondata sul libero pensiero ma che può essere messa a rischio dall’utilizzo sistematico di uno strumento così subdolo, capace di fare breccia nelle fasce più fragili della popolazione. Un fenomeno di cui oggi si inizia a prendere coscienza anche in Italia, come dimostra la vasta campagna pubblicitaria di contrasto alle fake news messa in campo da alcuni importanti network televisivi, come Mediaset Extra, ma che necessita di una vera bocca di fuoco per arginarne la pericolosità. Qualcosa che non nasce oggi. Già vent’anni fa il fondatore del Movimento 5 Stelle, Gianroberto Casaleggio, aveva ipotizzato un futuro in cui “i giornalisti sarebbero stati sostituiti dai robot”. Concetto ribadito da Beppe Grillo e poi ereditato dagli altri leader più giovani del movimento (da qui i sistemateci attacchi alla stampa) che hanno costruito gran parte della loro fortuna politica, e le proprie carriere, proprio attraverso la martellante campagna di disinformazione costruita in laboratorio contro gli avversari. Qualcosa che naturalmente ha sempre visto come “nemica” l’informazione ufficiale affidata ai professionisti dell’informazione, quella che Casaleggio voleva affidare ai robot, appunto e agli algoritmi per poterne assumere il totale controllo.
Nel dettaglio MAKE NEWS vuole porsi come un vero “cacciatore di fake”, stanate una per una, smontate e messe a nudo di fronte alla propria vacuità e inconsistenza. Un organo di informazione online, nazionale con finestre regionali, che oltre a dare le notizie di attualità, facilmente controllabili e verificabili, sostituisce il famoso “cestino” del proprio motore di ricerca in una grande discarica dei rifiuti dove fare confluire le bufale di giornata.