Vuoi questo spazio?

  • Per la tua pubblicità su questo spazio scrivi a: info@makenews.it

Ultime notizie

Il virus e il fattore C

Da qualcosa grande un decimilionesimo di millimetro, capace di insinuarsi in ogni interstizio della nostra esistenza, puoi difenderti adottando tutti gli accorgimenti suggeriti dalla comunità scientifica: distanziamento, mascherina, gel sempre a portata di mano. Puoi farlo con un comportamento prudente e responsabile che annulli gran parte della nostra vita sociale: niente bar, ristorante, feste di compleanno, cinema, discoteca, stadio. Ma alla fine il rischio zero contro il microscopico nemico non esiste. A meno che non si decida di consegnarsi agli arresti domiciliari dopo aver stipato in cucina provviste alimentari per 6 mesi, o fin quando non avrà bussato alla porta il vaccino anti Sars-Cov-2, sigla sinistra di laboratorio dietro cui si nasconde la minaccia del secolo. Ma per chi è costretto ad accettare un minimo di rischio, a iniziare da milioni di lavoratori, il resto lo fa il cosiddetto fattore C. In questi mesi mi è capitato di vedere gente, che la mascherina non la toglieva neanche di notte, finire a fare le parole crociate in un reparto Covid. E altri che hanno continuato a sfidare disinvoltamente il virus, senza adottare alcuna misura di protezione individuale, scoppiare di salute. Un po’ quello che si diceva una volta dei fumatori incalliti prima che qualcuno accertasse che la nicotina è la prima causa del cancro ai polmoni: “Mio nonno fumava due pacchetti di sigarette al giorno e ha campato fino a 98 anni”. Già, anche mio padre me lo ripeteva sempre: “Se mio nonno non moriva campava”. (s.o.)

Saverio Occhiuto

Saverio Occhiuto

Saverio Occhiuto nato a Reggio Calabria nel 1954, abita a Pescara. Giornalista professionista, laureato in psicologia all’università di Padova, ha lavorato dall’80 al ’92 in Calabria e in Veneto, collaborando per numerose testate giornalistiche, agenzie di stampa ed emittenti radiofoniche e televisive. Tra queste, il Giornale di Calabria, la Gazzetta del Sud, il Giornale di Sicilia, Il Resto del Carlino, il Diario di Palermo. Si è occupato, tra l’altro, dei più importanti fatti di cronaca nera e giudiziaria avvenuti in Calabria negli anni ’80. Ha intervistato il capo di Cosa Nostra Luciano Liggio, ha indagato sul caso Moro e sull’omicidio dell’ex presidente delle Ferrovie Lodovico Ligato. Nel gennaio del ’93 è entrato a far parte del gruppo Espresso. E’ stato redattore e vice capo servizio del quotidiano abruzzese il Centro presso la redazione di Pescara, più volte inviato in Italia e all’estero. Autore nel 2015 del libro: Don. La 'ndrangheta mai raccontata, oggi ha un suo blog, Nuvole, edito da Makenews.it e collabora con Il Messaggero.

Articoli correlati

Read also x