Vuoi questo spazio?

  • Per la tua pubblicità su questo spazio scrivi a: info@makenews.it

Ultime notizie

La scuola dei miracoli

Epidemia verso il contagio 0 in tutta Italia. Il che vuol dire che, a meno di colpi di coda della pandemia, in settembre si potrebbe fare ritorno a scuola come avviene dall’800: andando a occupare i propri banchi senza divisori in plexiglass e senza dover indossare per 6 ore una mascherina. Fastidioso inconveniente che potrebbe avere pericolose conseguenze anche per la salute, visto che l’ossigeno serve ai nostri polmoni quanto il prossimo vaccino anti Covid. Semmai l’occasione della pausa estiva dovrebbe essere utilizzata per avviare un’altra riflessione: la didattica a distanza, che in questi mesi ha costretto allievi e insegnanti a utilizzare gli strumenti telematici più moderni per garantire l’apprendimento, va a cozzare proprio con quelli che la scuola si trascina dietro da due secoli, come i banchi in formica di compensato (alcuni hanno ancora il buco per il calamaio), la cattedra, la lavagna. Nel breve tempo del lockdown tutto questo è stato spazzato via dal pc e dallo smartphone che solitamente i ragazzi utilizzano più per comunicare sui social che per le ricerche su Wikipedia. Insomma, è accaduto un miracolo, che in due mesi ha avuto la meglio su due secoli di storia. Come si farà, adesso, a dirigersi verso la lavagna con il gessetto in mano senza riderci sopra? (s.o.)

La scuola dei miracoli
Saverio Occhiuto

Saverio Occhiuto

Saverio Occhiuto nato a Reggio Calabria nel 1954, abita a Pescara. Giornalista professionista, laureato in psicologia all’università di Padova, ha lavorato dall’80 al ’92 in Calabria e in Veneto, collaborando per numerose testate giornalistiche, agenzie di stampa ed emittenti radiofoniche e televisive. Tra queste, il Giornale di Calabria, la Gazzetta del Sud, il Giornale di Sicilia, Il Resto del Carlino, il Diario di Palermo. Si è occupato, tra l’altro, dei più importanti fatti di cronaca nera e giudiziaria avvenuti in Calabria negli anni ’80. Ha intervistato il capo di Cosa Nostra Luciano Liggio, ha indagato sul caso Moro e sull’omicidio dell’ex presidente delle Ferrovie Lodovico Ligato. Nel gennaio del ’93 è entrato a far parte del gruppo Espresso. E’ stato redattore e vice capo servizio del quotidiano abruzzese il Centro presso la redazione di Pescara, più volte inviato in Italia e all’estero. Autore nel 2015 del libro: Don. La 'ndrangheta mai raccontata, oggi ha un suo blog, Nuvole, edito da Makenews.it e collabora con Il Messaggero.

Articoli correlati

Read also x